Radicchio rosso. L’antiage naturale

Come tutti sapete, i giorni passano, e tutti noi invecchiamo. Anche se ci ostiniamo a volerci sentir giovani, il tempo scorre. Ma per fortuna esistono rimedi naturali che combattono i segni dell’invecchiamento e mantengono giovane il nostro cuore, la vera macchina del nostro organismo.

ATTENZIONE, NON ELIMINA GLI ANNI ANAGRAFICI 😛

Il radicchio rosso è una varietà di cicoria. Caratterizzato da foglie rosse, raccolte tra di loro, il radicchio sembra quasi una rosa.

FIDATEVI DEL ROSSO

No, non sono colori politici. Il colore rosso nei frutti e nella verdura è un buon segno, questo perchè preannuncia un’alta quantità di antiossidanti, in prima linea per abbassare la pressione sanguigna e rafforzare il sistema cardiocircolatorio.

E’ spesso consigliato per le sue CAPACITA’ DEPURATIVE sul fegato, ma non solo. Contiene calcio, ferro, potassio,
acido folico e polifenoli, ma soprattutto fibre e vitamine. Le sostanze amare, non solo quelle del radicchio, aiutano il fegato a depurarsi e tengono lontane il colesterolo cattivo.

radicchio-rosso-tardivo

Il suo alto contenuto di acqua e di fibre, rendono il radicchio rosso un ottimo alleato per il corretto funzionamento dell’intestino e favorisce la digestione. Calcio e ferro favoriscono il metabolismo delle ossa, aiutandole ad essere più forti.

HAI PROBLEMI A DORMIRE?

Un radicchio potrebbe aiutare. Il triptofano, un amminoacido essenziale nello sviluppo delle proteine, apporta benefici al sistema nervoso, aiutandola a combattere l’insonnia.

CONTIENE PIÙ’ ANTIOSSIDANTI DEI MIRTILLI

Un recente studio svolto dall’Università di Urbino dimostra che il potere antiossidante del radicchio rosso supera quello dei mirtilli, alimento rinomato appunto per le sue capacità di mantenimento delle cellule giovani. In particolare è dovuto alla presenza della vitamina B e C, abbinate a potassio e calcio.

L’inulina, una fibra solubile di cui il radicchio rosso è ricco, aiuta a combattere le infiammazioni al colon. Ci sono studi che dimostrano la sua efficacia anche sull’insorgenza del tumore al colon. Se invece soffrite di colite, mangiatelo cotto.

CONTIENE POCHISSIME CALORIE

Ogni etto di radicchio rosso apporta all’organismo 13 calorie, e le fibre di cui è ricco aiutano a mantenere un senso di sazietà alto, utile quindi a chi vuole dimagrire. Se non vi piace consumarla nell’insalata potete preparare un ottimo risotto.

QUALI VARIETÀ’ POSSIAMO TROVARE AL SUPERMERCATO?

Innanzitutto bisogna distinguere le varietà precoce da quella tardiva. Il tipo precoce viene caratterizzato da un sapore dolce mentre il tardivo ha un retrogusto amaro. La varietà precoce si raccoglie nei mesi autunnali di ottobre e novembre mentre quella tardiva, viene raccolta da dicembre a febbraio.

Le varietà vengono distinte dal colore della foglia, che potete trovare rossa, verde o variegata, oppure dalla forma, a rosa chiusa o aperta. Le varietà più conosciute sono quelle a foglia rossa come il Treviso, il Verona, il Chioggia oppure a foglia variegata come il Castelfranco, oppure ancora quelle con la forma a rosetta con foglie verde scuro come il grumulo verde.

download varietaa-cicorie radicchio-treviso-forno

 

 

 

 

Il radicchio di Treviso è la versione più amara, ma proprio grazie al suo sapore aiuta, come nessun altra varietà, il fegato e la digestione. Il tardivo trevigiano, quello più pregiato (e caro), è l’unica varietà a poter vantare il marchio IGP. La varietà di Chioggia è depurativa, diuretica e lassativa, in grado quindi di regolare tutte le funzioni intestinali.

La patria del radicchio, da come potete immaginare, è il Veneto.

MA PERCHE’ SONO PIU’ BUONI DEGLI ALTRI?

La risposta è presto data. I contadini trevigiani sono rimasti fedeli alle tradizioni di forzatura e imbianchimento. I mazzi, dopo essere stati raccolti, vengono lasciati in vasche di acqua corrente di fiume, ciò stimola la crescita di nuove foglie. Grazie a questa pratica il radicchio perde calore e fibrosità, dando risalto al sapore amaro. Poi lavati e preparati alla vendita. Difficilmente subiscono trattamenti industriali.

Potete gustare il radicchio rosso nelle insalate, nei risotti o anche come semplice snack. E ricordatevi che più il sapore è amaro, migliori saranno i risultati sul vostro organismo.

Radicchio rosso. L’antiage naturale ultima modifica: 2016-10-27T12:35:50+00:00 da facciamolobio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *