Pomodoro. L’afrodisiaco che fa bene al sangue.

Si dice fu battezzato apples of love (pomo d’amore) dalla regina Elisabetta dopo averlo ricevuto in dono da un nobile galantuomo inglese. Il pomodoro è nativo della zona dell’America centrale, del Sudamerica e della parte meridionale dell’America Settentrionale, zona compresa oggi tra i paesi del Messico e Perù.

Nell’antichità si affermava che il pomodoro avesse qualità afrodisiache, ed è anche per questo che in Francia fu soprannominato “pomme d’amour”. Arrivato in Europa alla metà del 1500 giunse in Italia solo alla fine del secolo.

Inizialmente fu definita una pianta velenosa, ed è per questo che insieme alla patata americana veniva per lo più usata come pianta ornamentale, decorativa.

Ma dopo avervi annoiato con la storia del pomodoro, passiamo alle qualità, tante, di questa curioso frutto.

Perchè il pomodoro è rosso?

Beh, domanda intelligente. Alcuni sostengono che la colorazione rossa del pomodoro derivi dallo schianto di un meteorite che ne ha mutato le proprietà e la composizione, poiché 70-80 milioni di anni fa (scienziati ultra millenari), la sua
dimensione è mutata drasticamente, raddoppiando di volume.

pomodori1

Ma una più “sana” risposta è data dalla presenza dei cromoplasti presenti nella buccia che conferiscono la tipica colorazione rossa che aumenta man mano che lo stesso rimane esposto al sole. Avevate già pensato di diventare super eroi? Mi spiace per voi, è tutta natura ciò che si colora.

Il pomodoro è inserito tra i cibi “funzionali”, cioè quelli che consumati abitualmente danno un beneficio notevole al nostro organismo. Quando è molto maturo è ricchissimo di VITAMINA C, POTASSIO e LICOPENE (che non è una parolaccia) ma è uno dei maggiori antiossidanti presenti in natura, principale nemico dei RADICALI LIBERI, lo stesso che lo rende anche di colore rosso.

Mangiarlo abitualmente aiuta la naturale depurazione del sangue, e di conseguenza il nostro cuore, tutelandolo contro infarti, ictus e colesterolo alto. A differenza di altri frutti, l’esposizione al sole continuativa lo aiuta ad aumentare la sua efficacia, aumentando fino a 5 volte la presenza di licopene.

Come detto in precedenza aiuta a combattere il colesterolo, inibendo l’enzima che tramite il fegato lo produce e agendo sui recettori delle cellule, elimina il colesterolo cattivo che si accumula sulle arterie.

Cheery tomatoes

Il pomodoro fa ingrassare?

No! State tranquilli. I pomodori sono composti per la maggioranza di acqua, e di conseguenza sono poco calorici. Contengono 18 caloria per ogni etto consumato.

Il nostro consiglio, come detto in precedenza, è quello di consumarli quando sono maturi. Ma attenzione a non esagerare. Se non avete un orto casalingo, consumate i vostri pomodori acquistati entro 2-3 giorni, solo così si

riusciranno a sfruttare al massimo antiossidanti e vitamine, più è rosso più è ricco di proprietà.

Dimenticate di acquistarlo fuori stagione, risulterà povero di vitamine e con pochissimi benefici. Preferitelo italiano!

Se non resistete al pomodoro fuori stagione potete optare su quello SECCO. Rispetto a quello fresco contiene una più alta percentuale di pro-vitamina A, una sostanza che aiuta la pelle a mantenersi giovane ed elastica. Alcuni studi lo mettono al primo posto tra i cibi ANTIAGE.

Pomodori

Consigliamo di mangiarne il pomodoro sia cotto che crudo, poiché la versione cotta aumenta il rilascio di licopene, mentre distrugge la vitamina C. La contro versione cruda, invece, mantiene inalterate le qualità, purché sia ben maturo!
Consumandolo insieme alla carne si crea un mix molto utile per l’assorbimento del ferro nell’organismo.

Vuoi ridurre il consumo di sale? Bene, condisci tutto con il POMODORO!

E’ uno dei vegetali più sapidi, per questo la sua polpa e i suoi semi intensificano il sapore dei vostri cibi, sostituendo senza problemi il SALE.

 

Pomodoro. L’afrodisiaco che fa bene al sangue. ultima modifica: 2016-08-27T09:06:29+00:00 da facciamolobio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *