Anti zanzare? Attenzione a cosa compri

Iniziano i primi caldi di stagione (che poi tanto caldo non è ancora arrivato) e iniziano a farsi sentire le prime punture di zanzara. Anche quest’anno, come sempre, le fastidiosissime bestiole arrivano a farci compagnia, dentro e fuori casa. Da parecchi anni in commercio esistono repellenti, più o meno efficaci. zanzara-assassina

Quello che forse non sapete è che quasi tutti i repellenti hanno componenti chimici che con un uso eccessivo possono diventare tossici per la nostra pelle. Qui nasce la necessità di ricorrere a prodotti il più possibile biologici.

Come già detto sulla composizione dei prodotti di bellezza, non tutto ciò che porta la scritta “Bio” lo è realmente. Cerchiamo di analizzare meglio cosa evitare quando scegliamo un prodotto repellente.

Prima di tutto è bene dire che NON tutto il biologico è sano per la nostra pelle. E per secondo è importante che sul prodotto comprato vi siano le indicazioni del presidio medico chirurgico con il proprio numero di autorizzazione, questo lo differenzia da un comune cosmetico. dopo puntura

Qualcuno sostiene che la zanzara scelga la propria preda a seconda del tipo di sangue. Invece gli studi svolti dicono che non sono correlazioni di sangue e che la fastidiosa zanzara sceglie il proprio bersaglio grazie all’odore del sudore.

Quando si acquistano prodotti da utilizzare direttamente sulla pelle (stick, spray, lozioni, salviette) vanno scelti tenendo conto del formato e della concentrazione del principio attivo. I prodotti che contengono una concentrazione superiore al 30% possono causare irritazioni cutanee e, se assorbiti, possono essere neurotossici: per i bambini, quindi, meglio le barriere tipo le zanzariere o controllare che la concentrazione di Deet (uno dei principali principi attivi degli anti zanzare) sia inferiore al 10%.
Secondo quanto risulta dai test del Dr. Mohammed Abou-Donia della Duke University il deet provocherebbe gravi disfunzioni sulla coordinazione dei muscoli. Se l’uso eccessivo di deet è combinato con ad altre sostanze, come l’alchol, possono verificarsi difficoltà di apprendimento e problemi di memoria.

Se invece utilizzate le piastrine, quelle che si attaccano alla corrente elettrica, non necessariamente vi sarà la necessità di sostituire ogni notte le piastrine dei diffusori. Alcuni test hanno dimostrato che le piastre sono funzionali ed efficaci ben oltre il consiglio del produttore, che ovviamente ha tutti i vantaggi che duri meno. mosquito_repel_DEET

Se invece volete repellenti naturali, quelli più efficaci sono a base di citrodiolo, consigliato anche per bambini sotto i 12 anni. Lavanda, menta poleggio e timo citriodora, basilico, rosmarino, citronella, verbena, chiodi di garofano e geranio’. Questi oli essenziali che si possono utilizzare per tenere distanti le zanzare, per noi profumano ma per i fastidiosi insetti hanno un odore insopportabile.

Questi i nostri consigli:

  • Non applicare i repellenti sopra tagli, ferite o sulla pelle irritata;come-fare-trappola-zanzare-800x514-640x411
  • Evitare di usare i prodotti due in uno (crema solare più repellente, che contengono dosi superiori di agenti chimici);
  • Fare particolare attenzione ai bambini e non spargere il repellente sulle loro mani, vicino agli occhi o intorno alla bocca;
  • Lavare le mani con acqua e sapone per togliere il prodotto;
  • Non spruzzare il repellente in ambienti chiusi;
  • Non usare dosi eccessive e non usarlo per lunghi periodi.

La zanzara è fastidiosa, ma qualche punturina non è la fine del mondo.

Anti zanzare? Attenzione a cosa compri ultima modifica: 2017-08-01T16:00:09+00:00 da facciamolobio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *