Amaranto. Proprietà e utilizzi

L’amaranto a noi fa venire in mente una pietra preziosa, ma in natura è una pianta dalle molteplici proprietà benefiche di cui possiamo consumare i chicchi.

fiore amaranto

Oltre ad essere una bellissima pianta, l’amaranto, è anche fonte di tantissime qualità nutritive.

DA DOVE VIENE L’AMARANTO?

L’amaranto è una pianta originaria dell’America centrale, come dicevamo ha chicchi commestibili e si usa abitualmente come fosse un cereale. E’ definito infatti un pseudocereale. Ci sono tracce antichissime di utilizzi nel passato, chi la utilizzava come pianta ornamentale, chi come ortaggio e chi come cereale. I suoi usi sono molteplici.

Considerato da tantissime popolazioni un alimento sacro, l’amaranto, viene oggi coltivato in tantissimi paesi nel mondo. Il maggior coltivatore di amaranto rimane il Sud America, ma non è difficile trovarlo anche in Europa e in Asia.

QUALI SONO LE PROPRIETÀ’ NUTRITIVE DEL CHICCO DI AMARANTO?

Diciamo inizialmente che l’amaranto è gluten free, ed è quindi un alimento adatto alle persone celiache o intolleranti al glutine. Nonostante non sia un cereale le sue proprietà lo avvicinano molto ad esso. E’ molto ricco di fibre e risulta facilmente digeribile. Consigliato per chi ha spesso problemi intestinale poiché un uso costante può migliorare la flora batterica e facilitare la digestione.

amaranto proprietà

L’amaranto è ricchissimo di proteine, qualità che permette il suo inserimento nelle diete proteiche e per chi vuole eliminare le proteine animali dalla propria alimentazione. E’ quindi un buonissimo alimento per vegani.

Contiene un alta percentuale di lisina, componente che favorisce la formazione di anticorpi, ormoni ed enzimi, utile alleato del nostro sistema immunitario. L’amaranto garantisce anche un’assunzione ottimale di ferro, calciofosforo e magnesio. Come se non bastasse contiene anche vitamine B e C, acido aspartico, arginina, serina, alanina e acido glutammico. Possono essere consumate anche le foglie dell’amaranto in quanto commestibili e ricche di ferro.

QUALI SONO I VALORI NUTRIZIONALI DELL’AMARANTO?

L’amaranto è un alimento energetico, consigliato a chi si sente spesso debole o per chi fa tanto sport. Ma proprio per questo è un alimento calorico, come il classico cereale. 100 gr di amaranto corrispondono a circa 400 kcal.

COME SI PREPARA E DOVE SI PUÒ’ UTILIZZARE?

L’amaranto assomigliando ad un cereale può accompagnare insalate, pasta e può essere anche un ottimo contorno. Può essere mangiato anche come fosse un pop-corn. Come il mais, infatti, quando viene cotto si apre, sembrando un vero e proprio pop-corn.

pop corn amaranto

Per cucinare l’amaranto è necessaria qualche ora di riposo in ammollo, dopo di che va lavato abbondantemente. Poi lo potete cuocere come un cereale, 30-40 minuti in una pentola con acqua o nella pentola a pressione.

Con la cottura i chicchi diventeranno più grandi, si gonfieranno. Lasciatelo riposare una decina di minuti nella pentola prima di servirlo, terminerà la cottura. Il nostro consiglio è di cucinarlo aggiungendo cereali alla cottura, orzo o riso vanno benissimo.

L’AMARANTO HA DELLE CONTROINDICAZIONI?

Come tutti i cereali, se consumati in abbondanza, può risultare controproducente per la vostra dieta. Tenete sempre sotto controllo le calorie.

Ad oggi non vi sono particolari altre controindicazioni, tuttavia è sconsigliato a chi soffre di patologie renali, artrite reumatoide o gotta. Considerando anche il suo alto contenuto proteico è consigliato l’utilizzo non simultaneo ad altri alimenti quali carne, uova, latte e suoi derivati.

Amaranto. Proprietà e utilizzi ultima modifica: 2016-12-05T18:44:47+00:00 da facciamolobio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *