Acqua minerale. Benzina per l’organismo.

Secondo alcuni sondaggi noi italiani siamo tra i maggiori consumatori al mondo d’acqua minerale, ma quanto ne sappiano a proposito?

Essendo la maggior parte del nostro organismo composta d’acqua, l’idratazione è un fatto importantissimo.

Oggi parleremo dell’acqua, di quella minerale.

Impariamo a leggere le etichette.

Tra le cose più importanti, l’etichetta deve riportare la dicitura “acqua minerale naturale” e  deve indicare il nome della sorgente, diciture diverse sono ingannevoli e per nulla attendibili. La composizione chimica e l’istituto che ne effettua le analisi non devono mancare, ed è bene che siano noti.

L’acqua può essere scelta in base a bisogni diversi. Esistono infatti più tipi di acqua, questa può essere più o meno diuretica, più indicata per i neonati, per gli sportivi, per migliorare la digestione o per cucinare.

Il nostro corpo non produce sali minerali ed è per questo che è molto importante introdurli tramite l’alimentazione e l’acqua, e proprio per questo, in base alla sua composizione chimica, l’acqua si può prestare a varie esigenze. Ad esempio un’acqua ricca di calcio è utile a rinforzare ossa e muscoli; unghie e capelli sono maggiormente nutriti da acque più ricche di più zolfo.

Un’acqua povera di sodio aiuta chi soffre di patologie renali, ipertensione, malattie cardiache o ritenzione. Bisogna b175gj-600quindi prestare attenzione al carico di sodio dell’acqua, senza mai dimenticare che è il cibo il veicolo più pericoloso. Ad esempio, un bambino che assume sodio in eccesso sarà maggiormente esposto a problemi di ipertensione da adulto. Per questo motivo acqua e alimentazione in età infantile devono essere a ridotto contenuto di sodio. 

Per aiutare la digestione sono più indicate acque minerali ricche in bicarbonato e solfato, che velocizzano il transito intestinale aiutando lo svuotamento della colecisti, stimolando le secrezioni biliari, pancreatiche e gastriche.

Un acqua ricca di fluoro fa bene ai denti, aiuta infatti a prevenire la carie in quanto aumenta il PH della saliva, che aiuta a proteggere i nostri denti.

Per le donne in gravidanza è importante bere molto e alternare più tipi di acqua minerale; ad esempio, un’acqua ricca di bicarbonato e calcio alternata ad una con poco sodio, per tenere a bada la ritenzione idrica. Deve quindi assumere più minerali per lei e il bambino ma anche tenere a bada il gonfiore addominale.

Ma, per la scelta quotidiana dell’acqua, a prescindere che si abbiano o no patologie o stili di vita particolari il modo migliore di bere acqua è mangiando frutta e verdura cruda, si proprio così!

primasezverdure

La migliore fonte di acqua sono la frutta e la verdura.

Mangiarne in quantità infatti, non solo fa bene per i motivi che tutti sappiamo, ma soprattutto perché ci forniscono la migliore acqua che esista in natura, cioè l’acqua biologica. L’acqua contenuta nella frutta viene detta acqua zuccherina proprio perché contiene i naturali zuccheri della frutta mentre, quella contenuta dalle verdure, acqua clorofilliana.

L’acqua distillata naturalmente dalle piante, contiene il giusto equilibrio di minerali, vitamine, enzimi.

Avete sempre sete? Probabilmente sbagliate alimentazione.

Se hai molta sete, probabilmente, è perché mangi mangi prevalentemente cibi con poca acqua o ad alta richiesta salina (cibi salati, zuccherati, troppe proteine, cibi troppo cotti o già pronti) e quindi, perché mangia male.

Chi riesce a ingerire quanta più acqua possibile tramite il cibo e ha quindi un’alimentazione corretta, non sente la sete. I canonici 2 litri di acqua al giorno servirebbero infatti soprattutto a coloro i quali non riescono ad integrarla con il cibo.

La quantità d’acqua da bere varia da individuo ad individuo. Infatti una persona sedentaria deve berne minimo un litro mentre uno sportivo può arrivare a 3. Attenzione quindi a quanto beviamo!

L’eccessiva idratazione può portare scompenso al nostro organismo o ridurre l’effetto dei farmaci in soggetti con patologie particolari. Ma la disidratazione è ancora peggio! disidratazione-acqua

Uno dei segnali legati ad una scarsa idratazione è il colore delle urine, più il colore è intenso e più il nostro organismo ha bisogno di acqua per dissolvere ed eliminare i materiali di scarto. Bere un buon bicchiere d’acqua minerale al mattino appena svegli favorisce l’eliminazione delle tossine. Bere quindi un bel bicchiere di acqua dopo aver terminato la colazione, non è solo un buon consiglio, ma è anche un ottimo rimedio naturale per preservare al meglio i nostri reni.

Diminuire l’assunzione di bibite gassate, alcol, caffè, succhi zuccherati, ecc. ci aiuta ad idratarci meglio ed a tenere in equilibrio il nostro organismo. Quindi, ricordiamoci di bere molto e di preferire l’acqua naturale a quella gassata, quella in vetro a quella in plastica e con un residuo fisso basso. 

E a proposito del residuo fisso?

Indica la quantità di Sali minerali disciolti in un litro d’acqua dopo che questa viene fatta evaporare a 180°C., ed in base a questo valore si può determinare il tipo d’acqua. Possiamo avere acqua minerale minimamente mineralizzata (acqua meteorica) se il residuo fisso è compreso tra i 10 e gli 80 milligrammi per litro. Ciò caratterizza un’acqua molto leggera che favorisce la diuresi e può aiutare l’espulsione di piccoli calcoli renali.

Acqua oligominerale con residuo compreso tra 80 e 200 mg/L, caratterizza una buona acqua da tavola con azione diuretica. L’acqua è minerale quando il suo residuo è compreso tra 200 e 1000 mg/l . E’ bene non esagerare con l’acqua minerale, poichè contengono una quantità consistente di Sali minerali, meglio se alternata con un’acqua più leggera.

AgrodolceE l’acqua frizzante?

Non è scientificamente provato che faccia male, ma in alcuni casi è preferibile evitarla; ad esempio, i bambini molto piccoli non dovrebbero berla poiché troppo mineralizzata. Chi soffre di disturbi gastrici dovrebbe evitarla, poichè aumenta la secrezione dei succhi gastrici.

In ogni caso non dobbiamo averne paura, tutte le acqua minerali contengono una certa percentuale di anidride carbonica alla fonte.  Quelle effervescenti naturali sono frizzanti per natura, mentre le altre sono sempre addizionate di anidride carbonica.

Preferisci il vetro alla plastica!

av59155_1_È preferibile bere acqua contenuta in vetro piuttosto che in plastica, poichè il vetro permette di mantenere inalterato l’equilibrio dell’acqua. Le bottiglie di plastica sono composte da un elemento chimico, un polimero, capace di trasmettere sostanze che possono essere trasmesse all’acqua. Parliamo di cifre molto basse e le autorità sanitarie ci rasserenano in merito, si tratta infatti di una quantità di particelle irrisorie.

Stiamo attenti però a non esporre le bottiglie di plastica a fonti di calore o a lasciarle sotto i raggi del sole! Il sapore dell’acqua viene alterato e le particelle nocive facilmente liberate e rilasciate. Ricordatevi inoltre di non riutilizzare le bottiglie di plastica. Se riutilizzate più volte rilasciano più facilmente le particelle nocive ed è più  facile che il materiale di cui sono composte lasci proliferare dei batteri.

La durezza dell’acqua, invece, indica quanto questa sia calcarea.

I valori di riferimento sono quelli di calcio e magnesio, e in base a ciò possono esservi tipi di acqua dolce (meno di 15°F), mediamente dura (tra 15 e 30°F) e dura ( più di 30°F).

La dose raccomandata di mg/l di calcio è tra i 15 e i 50°F, un’unità di misura dei gradi francese. Più un’acqua è dura, e più aiuta a combattere l’insorgere di problemi cardiocircolatori.

In conclusione, ricordiamoci di bere molto e di fare attenzione all’acqua che scegliamo. Esistono comunque in commercio alternative all’acqua in bottiglia, ve ne parleremo più avanti.

Se potete, preferite l’acqua in bottiglie di vetro anziché in plastica, in questo modo, anche la natura vi ringrazierà.

 

 

Acqua minerale. Benzina per l’organismo. ultima modifica: 2016-09-21T19:53:32+00:00 da facciamolobio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *